fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

XXII Giornata mondiale Alzheimer “Ricordati di me”: l’azienda sanitaria di  Ragusa partecipa alla seconda camminata 

 

Ragusa, 17 settembre 2015 – Il Centro diurno Alzheimer dell’Asp  e l’Associazione Familiari Alzheimer Ragusa - AFAR di Ragusa   organizzano la seconda Camminata: “Per ricordarsi di chi dimentica”   un evento  per sensibilizzare sulla malattia di Alzheimer. 

In occasione della XXII Giornata Mondiale Alzheimer, il Centro Diurno Alzheimer  dell’Azienda sanitaria,   in collaborazione con la neonata Associazione dei familiari  AFAR,   organizza domenica,  20  settembre, dalle ore 10.00  alle ore 12.00, a Marina di Ragusa  in piazza Duca degli Abruzzi la “2aCamminata”. 

La Camminata è  rivolta ai pazienti ed ai loro  familiari, agli operatori del settore e a tutti coloro che desiderano conoscere e capire la malattia di Alzheimer, e cosa significa affrontare e gestire la vita a fianco di una persona che ne è affetta.

La passeggiata, alla quale partecipano altre Associazioni (Amunì e Aiad), parte  da piazza Duca degli Abruzzi sul Lungomare Mediterraneo, che significa anche  godere dell’aria del mare e del paesaggio litorale straordinario,   fino al Porto Turistico e ritorno. 

 

La malattia di Alzheimer è la più comune causa di demenza (rappresenta il 60% di tutti i casi). E’  un processo degenerativo che colpisce progressivamente le cellule cerebrali, provocando quell’insieme di sintomi che va sotto il nome di “demenza”, cioè il declino progressivo e globale delle funzioni cognitive e il deterioramento della personalità e della vita di relazione. 

E’ importante la sensibilizzazione su questa malattia, i dati riportati dall’ultimo Rapporto sono preoccupanti. 

Nel mondo le persone che hanno superato i 65 anni la frequenza complessiva della demenza è circa del 7% mentre negli 80enni è del 30% circa. In tutto sono 46,8 milioni le persone affette da una forma di demenza. In Italia ci sono 1.241.000 persone con demenza che diventeranno 1.609.000 nel 2030 e 2.272.000 nel 2050. I nuovi casi nel 2015 sono 269.000 e i costi ammontano a 37.6 miliardi di euro. (fonte: RAPPORTO MONDIALE ALZHEIMER – ADI -  2015.)

  

Sostenere le persone malate e le loro famiglie è compito di tutti, perché prima ancora che medico, si tratta di un problema sociale: non sono, infatti,  i soli malati ad essere colpiti, ma tutti coloro che sono ad essi  legati e che li assistono, i familiari in primo luogo.  Inoltre, in ordine alle peculiarità della malattia, è necessario imparare un modo originale a prendersi cura delle persone malate che pochi hanno avuto modo di sperimentare.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry