fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'enorme Presepe, interamente realizzato dai ragazzi disabili, è composto da sei grotte a rappresentare Continenti e Paesi del mondo diversi. Durante la manifestazione “Un mondo di Natale” previsto anche il concerto del Coro “Iubilate Gentes” assieme agli assistiti del Csr-Aias

 

#Ragusa, 16 dicembre 2015 – Un enorme Presepe vivente multietnico, interamente realizzato dagli assistiti del Centro diurno e del Centro di riabilitazione del Consorzio Siciliano di Riabilitazione-AIAS di Ragusa. L'inaugurazione delle installazioni si terrà DOMANI, giovedì 17 dicembre, alle ore 18.30 nei locali del Csr-Aias di Via Ettore Fieramosca 76 a Ragusa.

Il taglio del nastro e la benedizione da parte del nuovo vescovo di Ragusa, Mons. Carmelo Cuttitta, avverranno all'interno della manifestazione “Un mondo di Natale”: l'evento prevede il concerto di Natale del coro polifonico “Iubilate Gentes” diretto dal Maestro Gianna Rizza, che si esibirà anche insieme ai ragazzi disabili del Csr. Quindi si terrà l'inaugurazione del Presepe vivente multietnico: all'interno dei locali del Consorzio infatti sono state allestite sei grotte a rappresentare Continenti e Paesi diversi. Una sorta di cammino attraverso il mondo, rappresentato dai personaggi vestiti con l'abbigliamento tipico delle diverse zone del pianeta: Presepi tutti diversi, quindi, ma legati da un unico filo conduttore.

Alla manifestazione prenderanno parte tra gli altri il Direttore generale del Csr, ing. Francesco Lo Trovato, il Direttore sanitario dei centri riabilitativi di Ragusa, Comiso, Pozzallo e Modica dott.ssa Giovanna Di Falco, e le autorità civili, militari e religiose.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry