fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Mostre
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Modica, 26 ottobre 2018 – Dopo l’ottimo riscontro del pubblico e della critica avuto nei mesi estivi, la giovane modicana Federica Gisana torna ad esporre le sue opere pittoriche proponendo ai suoi estimatori una personale dal titolo “Fullness in the void” (ovvero “Pienezza del vuoto”). La mostra sarà inaugurata presso una particolare location rappresentata dalla Libreria Galleria La Fenice, a Sanremo (Piazza Muccioli, 5), dove c’è la possibilità di incontrare la poesia, letteratura e pittura. L’iniziativa, curata da Francesco Lucania, scrittore e promotore di eventi culturali, avrà luogo sabato 10 novembre alle ore 18.

Si tratta di una silloge di 20 opere, realizzate negli ultimi anni e che costituiscono un diario di appunti che si possono definire “visivi ed emotivi”, tracce di ricordi interiori da inseguire, un universo di visioni da condividere.

I suoi quadri “si fanno spazio nella mente, per divenire memoria e sottrarre dall'oblio sensazioni quotidiane del tempo che sfugge”, scrive Lucania. La cifra artistica di Federica Gisana “è frutto di una continua ricerca su prospettive, volumi, colori, frammenti di memoria, talvolta distaccati da elementi descrittivi”. Nelle sue opere, la soglia tra realtà e finzione è molto sottile. I suoi lavori sono principalmente introspettivi, ma raccontano anche l’immaginario, il sogno, il reale e il vissuto allo stesso tempo. “Traggono spunto dalla natura, immergendomi nel suo mistero con la meraviglia di chi l’ammira con aspetto primordiale”, confessa con una certa timidezza Federica.

Alcuni lavori pittorici e disegni prendono riferimento dalla nebbia, altro elemento atmosferico dall’aspetto misterioso, vellutato e silenzioso, quasi onirico. Sono lavori che vanno dal grigio al nero, presentando velature di colore con toni che vanno dai caldi ai freddi. La grande creatività e la sensibilità di cogliere l’emotività del mondo quotidiano che la circonda, fanno di Federica Gisana uno spirito libero e profondo, sempre in continua ricerca espressiva ed estetica.

La mostra rimarrà aperta dal 10 novembre 2018 al 10 gennaio 2019 negli orari di apertura della libreria galleria “La Fenice” a Sanremo.

Nel mese di dicembre, esporrà in Austria a Bad Eisenkappel, in una collettiva di artisti contemporanei. 

Giuseppe Nativo

 

Profilo biografico

Federica Gisana nata a Modica nel 1985. Consegue la Maturità artistica nel 2004, presso il Liceo Tommaso Campailla di Modica, in seguito, nel 2008 acquisisce il Diploma di Laurea, Accademia di Belle arti, presso l'Università di Catania.

L’artista lavora principalmente su pittura ad olio e disegno, seguendo progetti specifici, di relazione con il tempo. Le sue opere, spesso dal segno forte, coniugano la sintesi tecnica con elementi lirici. La ricerca di Federica Gisana è l'equilibrio tra racconto, espressione e impressione. L’intuizione dell'artista, lavora da tempo con i linguaggi di relazione della memoria, con un proprio dizionario di segni. La smaterializzazione dei significati, a favore di strutture pittoriche etere, materiche e significanti sono legate al processo di sintesi.

Il lavoro di Federica Gisana, si basa su una ricerca concettuale costante. Esso si articola su diversi livelli di significato in un immaginario che si traduce, tramite un processo mentale, in elementi complessi tramutandole in forma. Le sue immagini, spesso appartengono alla sua esistenza, fanno capo all’esperienza e al ricordo, sono la parte residua di visioni, intuizioni.

Le sue opere sono state esposte in molte personali e parecchie collettive, tra cui: Skopie, Livorno, Catania, Scicli, Modica, Ispica, Ragusa, Pozzallo. Nel mese di luglio 2018 espone nella rassegna “Venti Contemporanei” a cura del Festival dell'arte contemporanea di Cereggio (RE).

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry