fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Poesia
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

“Donne in narrativa”: Daniela Fava e Pina Magro presentano i loro libri, “I sono Marilù” e “La dama in verde”, al Caffè Quasimodo di Modica 

 

Modica, 21 gennaio 2019 – “Donne in narrativa” saranno al centro dell’VIII appuntamento del Caffè Quasimodo di Modica,  che si terrà sabato 26 gennaio, alle ore 17,30,  nell’Auditorium del Palazzo della Cultura nel quadro della stagione culturale 2018-2019.

La serata, che sarà coordinata dalla poetessa Antonella Monaca, sarà incentrata sui volumi delle scrittrici Daniela Fava, ispicese, e Pina Magro di Rosolini , autrici rispettivamente del romanzo “Io sono Marilù”, e del libro di racconti “La dama in verde”.

A illustrare l’opera di Daniela Fava, coordinatrice del “Gruppo di Ispica” del Caffè Letterario Quasimodo e già autrice di 5 romanzi, sarà la scrittrice Mara Aldrighetti, Dirigente scolastico dell’Istituto Nautico “G. La Pira” di Pozzallo, mentre Eleonora Cannizzaro, docente nell’Istituto Tecnico “Archimede” di Rosolini,  si soffermerà sui racconti di Pina Magro. 

Saranno poi Daniela Fava, Corradino Gabriele Giuga e Giuseppe Cristofani a leggere brani tratti dai volumi al centro della serata. 

“Daniele Fava, afferma Domenico Pisana, è un’ autrice consolidata nel mondo della narrativa, ove si è già espressa con diversi romanzi molto interessanti;  anche  quest’ultimo  romanzo si pone in continuità con i precedenti, soprattutto per la sua capacità di scavare psicologicamente dentro la vita dei suoi personaggi, come nel caso di  Maria, protagonista di ‘Io sono Marilù’,  insegnante di giorno e spogliarellista di notte , che vive in un paesino ove i pregiudizi della gente, i rapporti complicati con la famiglia e la violenza subita hanno determinato in lei profondi disagi. Anche Pina Magro, che è al suo secondo libro di racconti, in ‘La dama in verde’ si fa apprezzare  perché tende ad offrirsi come rivisitazione della memoria radicata nello scenario del territorio netino e della Sicilia orientale e dove la dialettica tra ricordanza e realtà  acquista un ruolo di primaria importanza”. 

L’appuntamento culturale sarà arricchito dagli intermezzi musicali al pianoforte  a cura del Duo “Colombo-Poidomani” .


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry