fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 8 luglio 2014 • Questa mattina alle 10.30, presso la sala riunioni della caserma Podgora, sede del Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa, è stato presentato lo spot realizzato dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri in occasione del bicentenario della fondazione dell’Arma.

Riproducendo una serie di immagini in bianco e nero e a colori ad alto impatto emotivo, sintesi dei valori che contraddistinguono l’Istituzione, viene mostrata l’attività quotidiana dell’Arma in mezzo alla gente, insieme a quelle dei reparti specializzati come i Nuclei Antisofisticazioni e Sanità (NAS) e i Nuclei Tutela Patrimonio Culturale (TPC).

Non mancano i richiami cinematografici, con Vittorio De Sica maresciallo in “Pane, amore e fantasia”, e storici, con la riproduzione della “carica di Pastrengo” del 30 aprile 1848, saltuariamente rievocata dagli squadroni del 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo.

 

Per la realizzazione dello spot è stata utilizzata l’innovativa tecnica della “parallasse” che, modificando il punto di osservazione dello spettatore conferisce all’immagine profondità tridimensionale e movimento.

La colonna sonora, dal titolo “Forever” (per sempre) è stata composta dal musicista e compositore americano Jonathan Pierre, noto negli Stati Uniti per le colonne sonore televisive e cinematografiche.

 

Le foto utilizzate rappresentano:

-         tre carabinieri in bicicletta anni ’50, quando ancora le autovetture erano rarissime e  i militari pattugliavano i centri abitati a piedi e perlustravano le campagne in bicicletta;

-         interventi di soccorso alle popolazioni con l’impiego di uno dei primi velivoli in dotazione all’Arma, un Agusta Bell modello AB204 in un’alluvione 1966;

-         visita a padre Pio (San Pio), momento di coesione dei militari anche fuori dal normale servizio;

-         Vittorio De Sica, Pane amore e fantasia, spaccato della società italiana del primo dopoguerra, carabinieri sempre vicini alla popolazione;

-         terremoto del 1976 in Carnia, la stazione carabinieri di Torreano “attendata” a seguito del sisma;

-         una pattuglia a piedi in grande uniforme per le strade di Taranto, nei pressi del c.d. “ponte girevole” con sullo sfondo uno scorcio di Taranto Vecchia;

-         un militare seduto tra i bambini nel corso di una partita di pallone a Palermo;

-         un carabiniere della 2^ Brigata Mobile impiegato nella missione NATO ISAG per il mantenimento della pace in Afghanistan;

-         un’autopattuglia di pronto intervento radiomobile CC 112 a Firenze;

-         un militare del NAS in campagna per il controllo di un gregge di ovini;

-         carabinieri del TPC mente recuperano alcune opere d’arte trafugate e nascoste in un fienile;

-         2 giugno, Festa della Repubblica Italiana, la banda dell’Arma nella parata militare dei fori imperiali a Roma;

-         rievocazione della carica di Pastrengo condotta dai militari del  4° Reggimento Carabinieri a cavallo.

-         la lucerna e la bandoliera, ormai nei secoli simbolo dei carabinieri d’Italia.

 

 

I due files video, da 30 e 60 secondi sono scaricabili da questo link.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry