fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Riparte “Floridia In Biblioteca” nella sua seconda edizione. L’Associazione Focus inaugura la programmazione con la presentazione del libro “Non giurare sulla luna” .

 In un gremita Biblioteca Comunale di Floridia, venerdì 28 Settembre 2018, è stata  presentata la seconda edizione di “Floridia in Biblioteca”, progetto pilota e fiore all’occhiello della neonata Associazione Focus, patrocinato da l Comune di Floridia. Inaugurato anche il cartellone mensile, che darà il via a una stagione culturale piena di novità. Gli eventi, articolati in varie sezioni, racconteranno di mondi e generazioni a confronto, ponendo così il Focus sull’urgenza di dialogare e di aprirsi al “diverso”.

Floridia inBiblioteca celebrare l'inizio della nuova edizione ripartendo dai libri e dagli scrittori. Ad inaugurare la sezione FIB GIOVANI, la presentazione del libro “Non giurare sulla luna” della giovanissima scrittrice e blogger floridiana Chiara Rametta, che ha conversato con la professoressa Paola Gozzo.

Apre i lavori la professoressa Stefania Germenia che ha presentato l’Associazione Focus, gli intenti, i progetti e le iniziative, ma anche la programmazione stessa della II Edizione di Floridia in Biblioteca.

“Il nostro grande progetto, sulla quale si fonda l’istituzione della nostra Associazione, – dice una delle curatrici- è finalizzato a sensibilizzare il territorio alla cultura, intendendola come arricchimento formativo per tutti i cittadini, con iniziative di carattere culturale, sociale, dedite alla socializzazione e allo spirito di aggregazione.  Floridia in Biblioteca, nella sua seconda edizione, parte sempre dall’idea originaria di voler rivalutare la Biblioteca Comunale, intesa come luogo custode della memoria, simbolo di una città.

Importante novità di quest’anno – continua la professoressa Germenia – è la sezione dedicata ai giovani, con l’obiettivo di riavvicinarli alla lettura e alla condivisione di momenti di cultura. In tal senso abbiamo rimpinguato anche la sezione scuola con una serie di laboratori a tema, incontri con autori che parlano di legalità, di bullismo volte a sensibilizzare i ragazzi a queste piaghe sociali. Mi piace sottolineare – aggiunge- anche la combinazione di intenti con la casa editrice Cartago con la quale abbiamo realizzato un festival letterario inserito nella sezione “La Sicilia che scrive” e presenteremo sei autori siciliani che racconteranno la Sicilia sotto varie sfaccettature. Tante le novità legate, poi, alla Sezione Cinema e Libri dove - conclude Stefania Germenia-  si passeranno in rassegna grandi libri che sono diventati grandi film. Condividendo, infine, la professione dell’insegnamento e coscienti delle urgenze sociali, io e le mie colleghe abbiamo pensato anche a una sezione Focus dove si sviluppino tematiche attuali legati all’attualità, alla legalità, alla diversità e all’inclusione. Tanti i giovani e non solo intervenuti alla presentazione del Libro “Non giurare sulla luna” della giovane scrittrice Chiara Rametta, che ha anticipato tratti interessanti del romanzo grazie a una semplice, ma accattivante conversazione con la professoressa Paola Gozzo.

“Ho trovato il libro di Chiara molto interessante perché rappresenta verosimilmente uno spaccato sociale di oggi. La difficoltà e il disagio che i giovani possono provare nella fase in cui dall’ adolescenza devono diventare adulti. E’ una lettura fresca che arriva al lettore, mai banale e pungente al punto giusto. Mi ha fatto riflettere sul fatto che forse noi adulti siamo distanti dai ragazzi che stiamo crescendo ed educando”. Sul ruolo che, appunto, gli adulti hanno nell’aiutare i ragazzi a non omologarsi alla massa e sulle difficoltà che questi hanno in tal senso risponde la giovane Rametta: “Per i giovani essere ‘diversi’ della massa è un prezzo alto da pagare perché ciò comporta l’inevitabile esclusione dal proprio gruppo sociale. Gli adulti possono provare a tendere una mano, cercare di capire gli sbagli dei ragazzi e premiare non solo le vittorie, ma anche le sconfitte”.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry