fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Giuseppe Digiacomo
Editore: Salarchi Immagini
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La recente fatica letteraria di Pippo Digiacomo sarà presentata il 18 ottobre

 

Ragusa, 10 settembre 2018 – Giovedì 18 ottobre 2018, alle ore 17:30, presso il Centro Studi “Feliciano Rossitto” (Via Ettore Majorana 5, Ragusa), il critico letterario Carmelo Arezzo presenterà il libro di Giuseppe Digiacomo, Pettine bello (Salarchi Immagini). 

Sarà presente l’autore che leggerà alcuni brani del libro.

 

È un itinerario narrativo nella Comiso degli anni ’70 del secolo scorso. 

Sono tanti e variegati i personaggi che si muovono nel divertente impianto narrativo. «Fanno parte della mia giovinezza – dice l’autore – e mi hanno accompagnato fino all’età più matura. Sono stati un po’ i protagonisti della mia vita. Irrompono in uno scenario di città teatro in una giornata del 1976 vissuta da un giovanotto appena maturato. Raccoglierli e farne un libro è stata un’operazione iniziata qualche anno fa e che mi ha consentito di ripercorrere una vicenda personale con un tono ironico».

 

Giuseppe Nativo

 

 

Giuseppe (Pippo) Digiacomo

Uomo politico molto conosciuto, specie nella sua Comiso, nel 1980 pubblica Alchimie per vivere con Sciascia e, con lo stesso editore, nel 1985 Il giorno fariseo, nel 1991 Balena bianca, nel 1993 l’instant book Io non sono il boss. Nel 2007 pubblica la raccolta di poesia Canti di guerra e divine inconcludenze e nel 2009 il pamphlet Come abbiamo fatto a fare l’Aeroporto di Comiso.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry