fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ragusa, 17 aprile 2015 – Mercoledì 22 aprile 2015, alle ore 18, nei locali del Centro Studi “Feliciano Rossitto” (Via Ducezio 13 Ragusa), si terrà una conversazione sul libro di Francesca Poidomani, Il cibo degli Iblei - 130 ricette originali della cucina iblea, Officine Creative Editore.

Relatrice: Letizia Cutrona Ottaviano. Conclusioni dell’Autrice.

 

***

Sono tante le definizioni che si possono dare alla parola cucinare. Secondo la lingua italiana, il termine cucinare vuol dire preparare qualcosa da mangiare, ossia trattare in modo specifico un alimento, al fine di renderlo quanto più gradevole possibile al gusto. Ma cucinare è anche arte, perché serve talento nelle molte possibilità di dosaggio e combinazione di ingredienti, spezie e quant’altro, se si vuole realizzare un capolavoro del gusto”.

È il grazioso incipit del libro “Il cibo degli Iblei” (Officine Creative Editore) di Francesca Poidomani, una simpatica signora “promotrice e divulgatrice dell’utilizzo dei giacimenti gastronomici locali come strumento di sviluppo culturale, economico e turistico” (titolo recentemente conferitole dall’Accademia Italiana Gastronomia Storica).

Quello dell’autrice si rivela, pertanto, come “un viaggio attraverso quanto è rimasto, nell’uso e nella memoria di chi ci ha preceduto” ampliandone l’importante significato e dando “un ampio panorama di vita vissuta e di tradizione”, come giustamente annota il prefatore Gaetano G. Cosentini. 

Nel libro, dal contenuto affabulante ed interessante dal punto di vista storico e dell’alchimia dei sapori e degli odori iblei, coesistono due anime “l’amore per la tradizione gastronomica e la competenza nel settore”.

“Chi passa dalle nostre parti e prova la nostra cucina s’innamora e vorrebbe tanto poterla esportare”, così scrive Francesca Poidomani.

Ne discuterà sulla intrinseca peculiarità del tema trattato Letizia Cutrona Ottaviano.

 

Giuseppe Nativo


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry