fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 26 maggio 2016 – Bellissima presentazione, ieri sera, al Centro Studi Feliciano Rossitto (nei nuovi locali di Via Majorana 5, Ragusa) dedicata ai libri di Salvo Micciché, Argu lu cani e Zàghiri e Parmi, con la prefazione di Giuseppe Nativo e le introduzioni di Pippo Di Noto e Giuseppe Pitrolo.

Dopo la presentazione del presidente del CSFR, on. Giorgio Chessari, che ha coordinato l'incontro, Giuseppe Nativo e Giuseppe Pitrolo hanno dialogato con l'autore e relazionato sui libri e sulla poesia dialettale, siciliana in particolare, citando un filone poetico che va da Umberto Saba ad Albino Pierro e Andrea Zanzotto, e -per la Sicilia- da Meli a Vann'Antò, e ovviamente non si ferma a questi grandi autori...

Pitrolo e Nativo hanno intrattenuto il pubblico su temi poetici che sono trattati nelle sillogi dialettali di Micciché, libri che non si fermano alla poesia, ma si pongono come opere per cristallizzare e salvare la lingua siciliana, lingua orale che va scritta affinché non sia persa, e contengono glossari di termini siciliani arcaici, una grammatica siciliana (Zàghiri e Parmi), un discreto apparato di note, una bibliografia per chi vuole approfondire lo studio del Siciliano e un bell'articolo (già pubblicato su Il Giornale di Scicli come "Medaglione") di Guglielmo Pitrolo su "U Muricanieddu", il poeta sciclitano Guglielmo Occhipinti (1858-1923).

Il poeta Pippo Di Noto ha tracciato alcuni punti della poetica di Salvo Micciché e anche un breve excursus sui poeti iblei, da Emanuele Schembari a Umberto Migliorisi (presente in sala), a Molè ed altri...

L'attore Giorgio Sparacino, con la partecipazione di Graziano Piccione, ha letto alcune poesie tratte dai due libri, e il pubblico presente ha gradito, partecipando alla discussione. Tra gli altri in sala il poeta Umberto Migliorisi, il preside Giorgio Flaccavento, il poeta Molè, i giornalisti Giovannella Galliano, Carmelo Riccotti La Rocca e Franco Portelli, la scrittrice Marinella Tumino, lo scrittore Salvo Figura...

Zàghiri e Parmi e Argu lu cani sono presenti in libreria (a Ragusa, Scicli e su Amazon) e come ebook in tutte le librerie on line, e sono presenti anche in alcune biblioteche italiane: Ragusa, Scicli, Palermo, Catania, Siracusa, Firenze, Roma, Milano Braidense...

L'Autore ha annunciato la prossima uscita di un libro di poesia italiana "a quattro mani": Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, che sta uscendo per l'editore Biancavela - Streetlib in ebook e a stampa.

 

Concetta L. Ferma

 

[Giovannella Galliano ha fatto una bella recensione su Ragusa Oggi]

[Video di Canale 74, a cura di Carmelo Riccotti La Rocca]


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry