Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Giovedì 27/04 - rassegna "Appuntamento al buio" - "Lo and behold" di Werner Herzog

orari: 18:30 e 21:30

 

da Venerdì 28/04  a mercoledì 03/05 "Famiglia all'improvviso" con Omar Sy (Quasi amici)

Orari: 18:30 - 20:30 - 20:30 (in allegato la locandina)

 

Lunedì 01/05 Aperto. 

(per quanto riguarda lo svolgimento delle proiezioni nella giornata di Mercoledì 03/05 è consigliabile informarsi prima al 3492249680)

 

Per la seconda settimana al Lumiere il film campione di incassi in Francia "Famiglia all'improvviso" con Omar Sy, fortunato protagonista di "Quasi amici". Il film sarà proiettato al Lumiere  dal 28 Aprile al 03 Maggio con un cambio di orari rispetto alla settimana precedente. Le proiezioni infatti saranno tre e si terranno alle 18:30, alle 20:30 e alle 22:30. Lunedì 01 Maggio la sala sarà aperta.  .

 

"Famiglia all'improvviso" racconta la storia di  Samuel che vive la sua vita nel Sud della Francia senza responsabilità e senza legami importanti fino a quando una delle sue vecchie fiamme gli lascia tra le braccia una bambina di pochi mesi, Gloria: sua figlia! Inizialmente incapace di prendersene cura, Samuel impara giorno dopo giorno ad essere un buon padre. Otto anni dopo, quando Samuel e la piccola Gloria sono ormai inseparabili e felici, una sorpresa inaspettata cambierà le loro vite...

 Giovedì 27/04 ultima giornata di proiezioni della rassegna "Appuntamento al buio" con il film "Lo and behold" di Werner Herzog (Fitzcarraldo). Orari: 18:30 e 21:30

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 aprile 2017 – La giovane ballerina Aurora Licitra applaudita all’Opera di Massy  dove si è esibita nel ruolo di protagonista ne “La jeune fille et la mort” di Schubert  con la Compagnia di  Julien Lestel, direttore, coreografo e ballerino. La prima di questa bellissima opera di Schubert è stata il 18 aprile con replica il 19 ed il teatro de l’Opera ha registrato il tutto esaurito. 

Gli applausi per Aurora, nonché per l’intero corpo di ballo,  non si sono fatti attendere.  

Un grande successo e Aurora ne è stata la protagonista.  

L’abbiamo raggiunta telefonicamente tra un gala e l’altro ed era entusiasta  e emozionata per il  successo registrato nelle due serate di spettacolo: “Vorrei far conoscere questa poesia -ha detto Aurora- a chi non la conosce ancora e portare nella mia terra l’intera Compagnia. Vorrei condividere queste fantastiche emozioni anche con il mio pubblico siciliano”.  

Aurora Licitra è di Ragusa ma lavora in Francia ormai da 7 anni. Al pubblico ragusano è stata presentata anche la scorsa estate in occasione del Premio Ragusani nel mondo, dove insieme al fratello Maurizio si è esibita per la serata. Quest’anno al treatro Garibaldi di Modica, il 21 gennaio, in occasione dell’apertura della stagione e per la rappresentazione de “La Cavalleria Rusticana”, Aurora Licitra ha eseguito un passo a due proprio con il coreografo Julien Lestel.

“La jeune fille et la mort” è un’opera che si adatta molto alla danza e la versione di Julien Lestel contrappone la giovane e bella ballerina Aurora Licitra a nove personaggi che impersonano la morte. Il debutto dell’opera è stato un grande successo grazie all’interpretazione magistrale sia della giovane Aurora che di tutto il corpo di ballo. Anche di questo ha parlato la critica francese, aggiungendo un grande riconoscimento per tutta la Compagnia:  “Artisti al meglio della loro forma... un balletto molto bello dal romanticismo esacerbato che fa onore al suo autore”. 

Aurora Licitra, di Ragusa, si è  diplomata al liceo Linguistico e il suo è un curriculum di grande rispetto.

Numerose le sue esibizioni in Italia e all’estero.  Ha frequentato il Teatro Alla Scala di Milano di cui fa parte del corpo di ballo. È ballerina presso il Teatro Massimo di Palermo ed è stata ballerina presso il Teatro dell’Opera di Roma, l’Università della Musica e del teatro di Lipsia, Heinz Bosl Stiftung Ballett Akademie. Ha studiato e si è diplomata ballerina professionista all’Accademia delle Belle Arti di Monaco di Baviera. Attualmente fa parte anche della Compagnia Julien Lestel de l’Opera di Massy, Francia. 

 

 Giovannella Galliano

Leggi tutto: Danza. La jeune fille et la mort, con Aurora Licitra, in Francia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La rappresentazione dei giovani del Laboratorio teatrale curato da Salvo Paternò

 

Ragusa, 24 aprile 2017 – Sabato 29 aprile, alle 20,30, presso il Teatro Don Bosco dei Salesiani, i ragazzi che frequentano l’Oratorio Centro Giovanile Salesiano, dopo un anno di formazione, metteranno in scena lo spettacolo teatrale “Il Gatto con gli Stivali” tratto dall’omonimo racconto di Charles Perrault.

La storia narra di un mugnaio e dell’eredità lasciata ai suoi tre figli: il vecchio mulino al primogenito, al secondo un asino e al più giovane un gatto, dando a ciascuno la possibilità di vivere con questi mezzi. Il più giovane rimane scontento per la sua parte di eredità, ma il Gatto della fiaba è un animale astuto e ovviamente, dato che siamo in una fiaba, dotato di parola. Con astuzie ed inganni il Gatto capovolgerà la vita del suo nuovo proprietario, fino a trovare il modo di fargli sposare la figlia del Re, nonostante le umili origini.

L'intelletto, l’ingegno e la perseveranza sono i tratti fondamentali del Gatto con gli Stivali; la storia vuole dimostrare che, se si vuole, si può fare di necessità virtù anche se la vita sembra non averci dato niente. Non bisogna mai gettare la spugna perché la vera ricchezza sta dentro di noi, nella nostra mente, nella capacità di inventare ed inventarsi proprio come ha fatto il Gatto con il povero Germano il quale credeva di aver perso tutto ed essere rimasto povero.

Spettacolo divertente, ritmato, colorato, per tutti.

La messa in scena è apparentemente semplice ed essenziale. Sfruttando giochi di luci e ombre, si è scelto di rappresentare il mondo che staziona intorno ai vari protagonisti, classici di molte fiabe: troveremo il Re, la bella e romantica Principessa, le ingenue Contadine, Guardie stravaganti, l’Orco cattivo e trasformista, il povero Germano con i suoi fratelli egoisti e dispettosi, oltre ovviamente all’astuto Gatto. Gli attori sono sette giovani ragazzi, tutti formati al secondo anno di Laboratorio Teatrale dell’Oratorio Salesiano di Ragusa, che interpreteranno oltre dieci personaggi: Giorgio Baglieri, Luca Burgio, Alessandra Cascone, Marco Gianchino, Lorenzo Marcinnò, Elena Occhipinti, Stefania Scribano. Le scenografie sono di Elena Berretta e Roberta Ruscito; le musiche originali di Giuseppe Velasco; i costumi di Rosaria Blandino. La regia è di Salvo Paternò.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 19 aprile 2017 – Mancano pochi giorni per vivere una settimana di festa dedicata alla danza e alle varie espressioni artistiche ad essa dedicate, come la fotografia e la letteratura. Domenica prossima, 23 aprile prende il via la terza edizione del “Festival della Danza – Città di Ragusa”, appuntamento organizzato dall’Associazione “Progetto Danza” presieduta da Andrea Pannuzzo e diretta da Saveria Tumino, che fino al primo maggio richiamerà da tutta la Sicilia le migliori scuole di danza, i loro alunni ed insegnanti, oltre ovviamente a tanti appassionati. 

Ospite d’eccezione di questa edizione, che come sempre ricorre in occasione della Giornata Mondiale della Danza, sarà Luciana Savignano, stella della danza italiana nel mondo, che presiederà la giuria del “Concorso di danza – Città di Ragusa” in programma il 30 aprile al Teatro Tenda a partire dalle 15.30 (ingresso con biglietto) e riservato alle discipline classico e contemporaneo per solisti e gruppi. Ma nel programma del Festival ci sono anche appuntamenti dedicati alla fotografia, con la mostra fotografica “Porta Sicula” allestita in collaborazione con Arti e Foto Visive alla San Vincenzo Ferreri a Ragusa Ibla, con i ritratti di ballerine incorniciate dalle tipiche porte barocche dei monumenti e delle case (orario visita festivi e prefestivi: 10.00/13.00 – 15.30/23.00; feriali: 16.00/20.30), e alla scrittura con la presentazione del libro “Luciana Savignano - L’eleganza interiore” di Emanuele Burrafato, dedicato alla grande ballerina che ovviamente sarà presente all’incontro. 

Questo appuntamento letterario è in programma il 29 aprile alle 18.30, alla Libreria Flaccavento (ingresso libero). Non mancheranno poi le lezioni di danza classica e contemporanea con gli insegnanti presenti alla manifestazione, in programma, con ingresso a pagamento previa prenotazione, dal 27 al 29 aprile, dalle 17.00 alle 20.30, alla scuola di danza Progetto Danza Ragusa (in via Carducci, 265). Sguardo particolare poi per i più piccoli con il progetto di educazione alla danza rivolto ai bimbi dai 6/11anni che prevedrà mercoledì 26 aprile, alle 17.30, alla Libreria Nasinsù, l’appuntamento dal titolo “La danza per i bimbi: Visione del Balletto di repertorio classico “Lo Schiaccianoci” – Royal Ballet” (ingresso gratuito previa prenotazione).

Partners del “Festival della Danza – Città di Ragusa” sono Arti Visive, Libreria Nasinsù, Libreria Flaccavento, Progetto Danza di Saveria Tumino, Comune di Ragusa, Centro Servizi Culturali, Verso Ragusa capitale italiana della cultura 2020.  Sponsor della manifestazione sono Despar, WikiWeb Agency, Danzatelier, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Inventa Design, Andrea Licitra Pubblicità. 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Una sessione extra per ‘Vocalese Monk’ di Daniela Spalletta e Fabrizio Bosso  

VENERDI BIS DI JAZZ A SCICLI, TROPPE LE RICHIESTE PER UN SOLO CONCERTO DEL TRIO

 

Scicli, 19 aprile 2017 – Venerdì 21 aprile alle Quam di Scicli il grande concerto jazz ‘Vocalese Monk’ di Daniela Spalletta (voce), Alberto Fidone (contrabbasso) e Peppe Tringali (batteria), dedicato a Thelonious Monk, nel centenario della sua nascita. 

Immediato “tutto esaurito” per la sessione delle 21, motivo per cui gli organizzatori della fortunata rassegna ‘Lo Spettacolo del Jazz’, hanno dovuto prevedere una sessione extra alle 19.30. In esclusiva per Vie Note sarà ospite del trio Fabrizio Bosso, uno dei più apprezzati jazzisti italiani, conosciuto in tutto il mondo. Il concerto, che rientra in un progetto speciale commissionato da Atelier Musicale e Iseo Jazz 2017, traduce nel genere ‘vocalese’ i complessi e originali temi del grande maestro afroamericano e altre rilevanti improvvisazioni di jazzisti di varie epoche.

Fabrizio Bosso, l’ospite d’eccezione del collaudato trio, si unisce alla magnifica voce di Daniela Spalletta e agli amici Alberto Fidone, bravissimo contrabbassista e Peppe Tringali, amatissimo batterista, per l’omaggio a Thelonious Monk, pianista e compositore statunitense, tra i più grandi musicisti jazz di tutti i tempi. Monk è stato sempre considerato un artista “strano”, per il suo forte egocentrismo e per il suo “mutismo”; e proprio a causa del suo carattere, fino alla sua morte, avvenuta nel 1982, ricevette critiche negative. Ma il suo stile unico di improvvisazione ha lasciato un’impronta profonda, nella storia del jazz dopo la Seconda Guerra Mondiale. Al suo stile di fare jazz si sono ispirate intere generazioni successive. 

Anima del concerto Daniela Spalletta, una tra le poche e più raffinate interpreti contemporanee del vocalese, lo stile poetico-vocale affermatosi negli anni Cinquanta; stile in cui si compone un testo, generalmente nonsense, per rivestire un’improvvisazione strumentale. In ‘Vocalese Monk’ saranno proposte otto composizioni, tra le più famose dell’artista, unitamente a celebri assoli realizzati su quei brani da grandi personalità del jazz, tra cui lo stesso Thelonious. Un omaggio originale che verrà riproposto a luglio, anche a Iseo Jazz. 

Ultimi posti per assistere al concerto ‘Vocalese Monk’ di Daniela Spallette, Alberto Fidone e Peppe Tringali, per la sessione extra delle 19.30. Info e prenotazioni per i concerti de ‘Lo Spettacolo del Jazz’ allo 0932 931154. 

La rassegna, organizzata da Vie Note, con la cura musicale di Alberto Fidone, chiuderà in bellezza il 30 aprile, con i festeggiamenti della Giornata internazionale del Jazz, dichiarato Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, per cui la rassegna ‘Lo Spettacolo del Jazz’ a Scicli propone il bellissimo concerto ‘Terras’ del duo Barbara Casini (voce) e Roberto Taufic (chitarra), per un’immersione profonda nei ritmi brasiliani di alto profilo musicale. 

Leggi tutto: A Scicli Jazz con Spalletta, Bosso, Fidone, Tringali

Altri articoli...

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry