Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 19 maggio 2015 – Debutta a Ragusa Ibla giovedì, 21 maggio, alle ore 22, presso l’auditorium di San Vincenzo Ferreri , lo spettacolo di musica folk  “La porta d’oriente” di Mediorkestra, inedita formazione che, per il progetto comunitario I Art  di cui è partner il Comune di Ragusa, riunisce musicisti greci, bulgari, turchi e siciliani.  

In Mediorkestra è presente la vocalità mediorientale di Sonja Drakulich ,bulgara/ungherese di nascita e  leader del progetto Stellamara, il violino, il bouzouki e la voce greca di Nektarios Galanis, artista polistrumentista  che ama spaziare dal folk alla world music, i fiati del greco Apostolos Kyrgidis, le percussioni classiche del turco Osman Oksuzoglu ed i plettri dei siciliani Saro Tribastone e Carmelo Siciliano, impegnati entrambi da anni nella ricerca di sonorità e innovazioni stilistiche nell’ambito delle tradizioni del Mediterraneo.  Insieme esploreranno i confini della world music, partendo  dalle musiche tradizionali dell’Asia minore, passando per i balcani ed approdando in terra di Sicilia. 

Lo spettacolo è una proposta dell’associazione Darshan per il  Festival “I Art”, grande contenitore di eventi pluridisciplinari inserito nel più ampio progetto I Art, che si svolgerà in Sicilia da maggio a settembre 2015. Sono in programma 120 eventi in giro per l’isola, tutti gratuiti.

Il progetto “I Art”, finanziato con la linea d’intervento 3.1.3.3. del PO FESR  SICILIA 2007/2013,  ha come capofila il Comune di Catania.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry