fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Appuntamento l’ 8, 9 e il 10 agosto nella cittadina ragusana, protagonista dell’estate culturale nel Val di Noto

 

 Ispica, 7 agosto 2014 – Ispica festeggia i 100 anni di Pietro Germi, indimenticabile regista di “Divorzio all’italiana”, Oscar per la migliore sceneggiatura originale. Dopo il successo di critica e di pubblico della manifestazione della scorsa estate “Divorzio all’italiana – Ispica da Oscar”, è in programma un altro evento di primo livello.

L’appuntamento è per l’8, il 9 e il 10 agosto (dalle ore 19:30) con la rassegna “100 Pietro Germi – Ispica da Oscar”, promossa dal Vespa Club Ispica, che farà della cittadina ragusana l’apripista di un fenomeno sempre più diffuso, il cineturismo, inteso come valorizzazione del territorio attraverso la riscoperta di incantevoli location già protagoniste di celebri lungometraggi.

 

Lando Buzzanca e Franco Battiato saranno gli ospiti d’eccezione della rassegna, che si articolerà lungo tre direttrici:

-    l’evento cinematografico con cineforum in piazza Unità d’Italia e nella splendida cornice di Palazzo Bruno di Belmonte;

-    il tour di antichi palazzi nobiliari appositamente riaperti e all’interno dei quali saranno allestiti eventi ad hoc, tra cui una mostra fotografica sui backstage dei film di Germi con materiale originale;

-    i grandi appuntamenti serali con il concerto dello Sparkling Brass Quintet, dell’Italian Brass Band sulle note di memorabili colonne sonore di film e la sfilata di moda dedicata alle dive del cinema.

 

«100 Pietro Germi – spiegano Marco Ruffino e Giuseppe Santoro, due degli organizzatori - perché 100 sono i personaggi e le storie che s’intrecciano e si fondono col nostro territorio: i f.lli Taviani, Richard Burton e Sophia Loren, il loggiato del Sinatra, Lando Buzzanca, la Chiesa Madre, Stefania Sandrelli, i luoghi di Montalbano».

Durante la tre giorni grandi ospiti si alterneranno nel corso di una serie di incontri, dibattiti, proiezioni nel segno di Pietro Germi, tra tutti il già citato Lando Buzzanca, attore poliedrico che iniziò la sua brillante carriera come comparsa in Ben Hur per poi raggiungere fama e successo con le interpretazioni in “Divorzio all’Italiana” e “Sedotta e Abbandonata”; Roberto Nobile, il simpatico Nicolò Zito, giornalista di Montelusa della serie Montalbano. 

Ancora, Paolo Buonvino, eccelso compositore e autore di colonne sonore di successo per film quali “Romanzo Criminale”, “La Matassa”, “Manuale d’Amore”, “I Vicerè”, “Caos Calmo” e “L’Ultimo Bacio”…; Chiara Ottaviano, saggista e sceneggiatrice ragusana produttrice di “Terramatta”, il racconto autobiografico di Vincenzo Rabito, presentato nel 2012 alla Mostra Internazionale d’arte Cinematografica di Venezia; Mirta Guarnaschelli,  segretaria di edizione di Pietro Germi; Marialinda Germi, figlia del regista; Pietrangelo Buttafuoco, scrittore e giornalista  de “Il Foglio”, “la Repubblica”, “il Giornale”, Sebastiano Gesù, storico e critico del cinema e vicedirettore artistico del “Festival del Cinema di Frontiera” di Marzamemi.

La rassegna si concluderà il 10 agosto con Franco Battiato, che presenterà il suo docufilm “Attraversando il Bardo”. Poi lo staff e gli ospiti di sposteranno al “Soda Thanks”, presso la frazione rivierasca di S. Maria del Focallo, per un red carpet sul mare, in un ideale connubio tra le stelle del cinema a quelle della notte di San Lorenzo.

 

 

 

Programma


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

 

Programma


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry