Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

#Scicli, 28 dicembre 2015 – La voce di Benedetta Poidomani, il violino di Stefania Agosta, il pianoforte di Marco Garofalo: da qui inizia la magia dei DiArte Lyricum Trio. Una magia che ha incantato ed emozionato il numeroso pubblico presente al concerto di Santo Stefano organizzato da Skené Management nella splendida cornice di Palazzo Busacca a Scicli.

Uno spettacolo in cui la maestosità della musica classica si sposa perfettamente con la moderna, il folk ed il canto corale, in un matrimonio di note capace di stregare e toccare fino in fondo le corde dell’anima degli spettatori.

Come ogni loro esibizione, anche il concerto a Palazzo Busacca è stato caratterizzato dalla Bellezza e dall’Autenticità dei DiArte Lyricum Trio.

Repertorio basato sulla Bellezza delle melodie eseguite: le melodie “popolari” internazionali, riconosciute come intramontabili colonne sonore di film, con l’Autenticità che emerge dalle esecuzioni musicali. Performance sincera, onesta, vera, semplice espressione dei sentimenti e delle emozioni che suscitano i brani che hanno incantato il numeroso pubblico che ha premiato l’evento con un sold out. 

Lo stimolo giusto per andare avanti con l’organizzazione di eventi di livello artistico a Scicli e non solo per Skené, che ha realizzato il concerto di Santo Stefano in collaborazione dell’Assap Pietro Di Lorenzo Busacca di Scicli.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry