fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Modica, 27 novembre 2015 – Stanotte la #Polizia Modica ha sventato a Modica un grosso furto di rame, che una banda aveva già progettato da diverse settimane.

Gli uomini del Commissariato nel corso dei servizi di controllo del territorio, svolti anche nelle zone periferiche della città dove insistono numerose attività imprenditoriali che attirano l’interesse di soggetti provenienti da altre province, notavano un autocarro che stranamente era stato parcheggiato in un campo tra fango e sterpaglie, a poche centinaia di metri dai locali di  una nota impresa modicana, dedita alla lavorazione della pietra.

Gli immediati accertamenti che seguivano  consentivano alla Polizia di acclarare che l’autocarro rinvenuto era stato rubato a Gela alcune settimane addietro, facendo subito intuire che tale circostanza era certamente collegata alla commissione imminente di altro reato. Pertanto, venivano subito effettuati dei  servizi di appostamento della zona, con l’impiego di numerose pattuglie, finalizzati a rintracciare e bloccare i soggetti che, sicuramente, avevano aspettato le ore notturne per riprendere l’autocarro. Infatti, così è stato perché poco dopo si notava, in lontananza,  il sopraggiungere di due autovetture che, accortisi probabilmente della presenza della Polizia in zona, invertivano subito la marcia allontanandosi dalla zona a forte velocità, dileguandosi per le strade delle campagne modicane. 

Il pattugliamento della contrada consentiva di rinvenire, a circa un chilometro di distanza dal luogo dell’avvistamento,  le due autovetture abbandonate dai malviventi che avevano continuato la loro  fuga  a piedi, favoriti nella dall’oscurità della notte. Delle due autovetture rinvenute dalla Polizia, una risultava appena rubata alla ditta presa di mira, mentre l’altra, una macchina  di grossa cilindrata, risultava  con targa estera. La conferma che il furgone sarebbe servito per compiere un’ulteriore attività criminosa, veniva data dalla circostanza che all’interno della ditta di lavorazione della pietra veniva rinvenuto un  gruppo elettrogeno di grandi dimensioni,  già divelto, da cui i malfattori  avevano estratto svariati metri di rame già tagliato e ammassato all’interno di un capannone, pronto per essere trasferito sul mezzo rubato a Gela. 

 

A conferma di ciò, all’interno dell’autocarro la Polizia rinveniva numerose pinze tranciafili di grosse dimensioni, martelli ed arnesi vari, tutta attrezzatura necessaria per tagliare i fili di rame. Sia il furgone rubato che gli arnesi rinvenuti sono stati posti sotto sequestro per la conseguente attività d’indagine.

Il tempestivo intervento della Polizia  ha consentito di sventare il furto di centinaia di chili di rame che, se fosse andato a buon fine,  avrebbe fruttato ai ladri parecchie migliaia di euro. Purtroppo, nonostante il furto sia stato sventato,  la ditta ha patito un  grave danno economico a causa del danneggiamento del grosso gruppo elettrogeno e del taglio dei cavi elettrici.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry