fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 26 gennaio 2017 – I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Siracusa hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino del Gambia, C.A., classe 1999, per aver commesso, in concorso con un 17enne, anch’esso del Gambia, il reato di percosse e lesioni personali. 

I due, ospiti del centro di accoglienza per minori “Freedom” di Priolo Gargallo, hanno aggredito un connazionale con pugni e con l’utilizzo di un paio di forbici  a seguito di una banale discussione. Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che il C.A. avesse iniziato a fare delle foto alla vittima, con il suo smartphone, nonostante lo stesso gli avesse ripetuto più volte che non gradiva essere fotografato. È così è iniziata una discussione che ben presto è sfociata in un’aggressione. L’arrestato infatti, aiutato da un minore, ha malmenato con calci e pugni la vittima e servendosi di un paio di forbici, lo ha colpito più volte al volto procurandogli delle ferite anche al collo ed ad una mano ed un lieve trauma cranico. La vittima è stata subito trasportata all’ospedale Umberto I dal quale  è stato dimesso con una prognosi di 21 giorni. 

L’uomo è stato accompagnato in caserma per le incombenze di rito e, a seguito del giudizio da parte Autorità Giudiziaria di Siracusa, è stato associato presso il carcere di Cavadonna. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry