Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Martedì, 18 aprile 2017 – Nell’ambito dei controlli intensificati in occasione delle festività pasquali, così come concordato tra le varie forze dell’ordine in sede di Comitato Provinciale per l’ordine e la Sicurezza pubblica, i Carabinieri della Compagnia di Noto hanno posto in essere anche mirate verifiche nel settore igienico sanitario. 

In particolare, i militari delle Stazioni territoriali, supportati dai Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Ragusa e dal personale veterinario dell’ASP di Siracusa, hanno proceduto a mirati controlli nei confronti di alcuni esercizi commerciali dediti alla vendita di carne e pesce al fine di verificare il rispetto delle norme igienico-sanitarie di settore e la regolarità delle previste autorizzazioni amministrative.

Delle varie attività commerciali sottoposte a controllo, in 2 sono state riscontrate irregolarità nella normativa di settore: i titolari sono, pertanto, stati segnalati all’autorità giudiziaria per il reato di macellazione clandestina.

Nello specifico, a seguito di ispezione presso l’azienda ovi-caprina di C. A., avolese classe 1975, i Carabinieri del Nas hanno rinvenuto 15 carcasse di agnello già macellate e pronte per essere immesse in commercio. Le stesse, prive del bollino CE, erano detenute in maniera non conforme alle norme di settore all’interno di una cella frigo priva delle necessarie autorizzazioni. La carne, dal peso complessivo di circa 160 kg, è stata distrutta.

Analogamente, a seguito di ispezione presso la macelleria con annesso laboratorio di proprietà di B. C., avolese classe 1972, il personale veterinario dell’ASP di Siracusa unitamente ai Carabinieri della Stazione di Avola hanno rinvenuto 4 carcasse di agnello prive di bollino CE nonché ulteriori 40 kg circa della medesima carne già suddivisa in porzioni. Tutta la carne era priva di documentazione che ne attestasse la provenienza: la stessa, pertanto, è stata distrutta.

Continueranno con assiduità le attività svolte dall’Arma dei Carabinieri unitamente al personale dei reparti speciali al fine di garantire il rispetto delle norme vigenti nello specifico settore a tutela della salute dei consumatori.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry