Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

12
Mar, Dic

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 14 November 2017 – Svelata una tela nella sala colloqui della Casa Circondariale di Ragusa. L’iniziativa è del  Soroptmist Club di Ragusa, presieduto da Antonella Rollo. La tela, che misura  1,90 cm per 1,50 cm, è stata realizzata da una socia, la pittrice Elvira Salonia e  prende spunto da un quadro del pittore francese George Seurat,  “Una domenica pomeriggio sull’isola della Grande- Jatte” . 

Grazie a questa importante condivisione da parte del Soroptmist Club di Ragusa,  la tela abbellisce una parete della stanza dei colloqui. Il tratto naif della pittrice Salonia è caratterizzato da figure che esprimono una tranquillità ed una solidale condivisione di spazi aperti i cui colori accesi rendono alla tela una solarità contagiosa. Un buon auspicio, dunque, per spazzare via qualsiasi tristezza e sperare in un futuro migliore.  

L’iniziativa  rientra nell’ambito del progetto “Affettività e famiglia” e si pone l’obbiettivo di rendere più accogliente una sala in cui spesso sono i minori a frequentarla nei giorni di colloquio con  i loro genitori detenuti. Il progetto è iniziato il 13 maggio scorso e ha avuto la sua degna conclusione venerdì 10 novembre alla presenza di quattro detenuti della Casa Circondariale, della direttrice Giovanna Maltese, della capo area trattamentale Rosetta Noto, dell’educatrice Maria Stella,  del commissario capo Chiara Morales, della neo-presidente del Soroptmist Antonella Rollo e  di alcune socie. La cerimonia ha registrato un  momento di commozione non indifferente da parte di tutti i partecipanti.

 

Giovannella Galliano

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry