fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Scicli

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 7 gennaio 2019 – L’Italia e il Giappone sono divisi da più di diecimila chilometri e, all'apparenza, sembrano mondi lontani, diversi. 

La distanza, però, non amplifica le differenze ma sottolinea le similitudini tra due nazioni dalle civiltà e tradizioni millenarie, città d'arte e territori tormentati ma di una bellezza incredibile fatta di mare, montagne, vulcani.

Da questi spunti parte il progetto Hasekura, coordinato da Renata Piazza, esperta di turismo sostenibile e innovazione sociale, siracusana, residente in Giappone, che da anni collabora con la nuova generazione di imprenditori nipponici decisi a creare, dopo lo tsunami causa nel 2011 della distruzione della costa orientale del paese e della crisi nucleare di Fukushima, modelli di vita e fonti di reddito alternativi ai modelli già consolidati. 

Per il secondo anno consecutivo, quindi, un altro gruppo di imprenditori del Sol Levante tornerà a Scicli per una due giorni, dal 9 al 11 gennaio, per studiare e confrontarsi con una delle migliori realtà ricettive siciliane, Scicli Albergo Diffuso. 

I viaggiatori giapponesi, infatti, non solo saranno ospiti nelle camere di Scicli Albergo Diffuso ma potranno conoscere appieno, sperimentandola in prima persona, l'esperienza del vivere sciclitano, tra cene tipiche e visite guidate alla scoperta delle bellezze della cittadina barocca; non mancheranno, naturalmente, i momenti del confronto e della scoperta del modello di albergo diffuso che tanto ha affascinato il Giappone: dalla nascita, sei anni e mezzo fa, all'ideazione di quello che è un vero e proprio sistema di accoglienza territoriale, Sicilia Ospitalità Diffusa.

L'appuntamento è un nuovo attestato di stima per il lavoro svolto da Ezio Occhipinti e dal suo staff, Vincenzo Burragato, Sara Carbone ed Eva Speranza, grazie ai quali Scicli Albergo Diffuso è diventato un punto di riferimento nell'etica dell'accoglienza e della valorizzazione di tutti gli aspetti della cittadina iblea: dalla cura degli immobili storici alla scoperta di esperienze uniche tese a valorizzare un territorio meraviglioso, diventato riferimento nel campo dell'ospitalità anche a diecimila chilometri di distanza.

 

v. b.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 28 dicembre 2018 – Tempo di Natale e di presepi: a Scicli più che mai con la tradizionale Via dei Presepi, l’immaginario cammino capace di unire tutti i presepi, delle parrocchie e privati, composti in occasione delle feste natalizie. 

Il 29 dicembre e il 2 gennaio, però, la Via dei Presepi si arricchirà dei ciceroni di Tanit Scicli, le guide dell’associazione culturale sciclitana accompagneranno, infatti, i viaggiatori e gli sciclitani alla scoperta della più vera tradizione natalizia, con raduno entrambi i giorni alle 16.30 di fronte il Museo dell’Antica Farmacia Cartia.

Un percorso magico quello di Tanit, tra le viuzze medievali e le cave della cittadina iblea, vissuta all’imbrunire, raccontata sotto le luci di Natale, per accarezzare appieno la magica atmosfera della festa più suggestiva dell’anno, tra pastori di terracotta e gli effetti scenici più elaborati, fino ad ammirare la straordinaria bellezza del presepe di San Bartolomeo, gioiello tra i gioielli della nostra città.

 

Per informazioni e prenotazioni, chiamare o scrivere all’Associazione Culturale Tanit Scicli: +39.338.8614973 –  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Scicli, 15 dicembre 2018 – Imparare l'italiano a Scicli, nella terra del Commissario Montalbano, soggiornando nelle stanze dei palazzi nobiliari ottocenteschi di Scicli Albergo Diffuso è diventata abitudine gradita per i britannici che decidono di approfondire la nostra lingua in patria per poi svolgere qui il loro viaggio studio.

Tutto ciò sta accadendo anche grazie ad un programma di destagionalizzazione messo in atto insieme ad altre realtà siciliane. 

Dopo aver ospitato a settembre studenti scozzesi, un altro gruppo di inglesi, in questi giorni, è arrivato a Scicli per praticare l'italiano tra le vie barocche del centro storico ma anche delle vicine Modica, Ragusa e Noto. Le lezioni si svolgono giornalmente presso le sale del Millennium, dove si trova anche la reception di Scicli Albergo Diffuso e culmineranno con il reading di poesia previsto al Circolo Culturale Vitaliano Brancati, domenica prossima. Naturalmente non mancheranno visite guidate e attività alla scoperta delle eccellenze del nostro territorio.

Una bella soddisfazione per la città e per l’Albergo Diffuso che guarda già al prossimo gruppo che arriverà a gennaio, questa volta dal Giappone: prosegue infatti l'interesse di viaggiatori e operatori del turismo nipponico, di ritorno a Scicli per una due giorni alla scoperta della nostra città, dopo il fruttuoso scambio culturale dello scorso anno (al quale parteciparono anche operatori cambogiani), desiderosi di esportare il modello dell'ospitalità diffusa nel paese del Sol levante, divenuto ormai riferimento ben fuori dai confini di Scicli.

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Tutte le attività osserveranno un minuto di silenzio in occasione della cerimonia funebre civile

 

Scicli, 8 ottobre 2018 – Il sindaco di Scicli, Enzo Giannone, ha proclamato il lutto cittadino per martedì 9 ottobre 2018, in seguito alla scomparsa di Piero Guccione. 

Domani saranno esposte le bandiere a mezz’asta nelle sedi comunali e in tutti gli uffici pubblici del territorio di Scicli. 

Un minuto di silenzio sarà osservato da tutte le attività cittadine in concomitanza con la cerimonia funebre civile, che si terrà in piazza Municipio alle 18, con l’allocuzione del sindaco di Scicli. 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 7 ottobre 2018 – Piero Guccione è stato molto più di un pittore di fama mondiale. Per Scicli ha rappresentato la figura dell’intellettuale impegnato nel civile, in maniera concreta e fattiva.

Il sindaco Enzo Giannone e l’amministrazione comunale esprimono il proprio cordoglio per la scomparsa del pittore che diede vita al “Gruppo di Scicli”, ricordando le doti di personaggio del mondo della cultura che ha contribuito, con la propria generosità, a finanziare campagne per la pulizia del territorio, contro il randagismo, per sostenere l’editoria locale e l’edizione di libri, che senza Piero Guccione non sarebbero mai nati. 

Piero Guccione fu anche, in una felice quanto breve stagione della Politica a Scicli, assessore alla cultura della giunta presieduta dal preside Pino Lonatica. In quella amministrazione era presente, nella veste di giovane assessore, l’attuale sindaco di Scicli. 

Piero Guccione ha legato il suo nome a Scicli in maniera non scindibile, dando testimonianza di amore per la propria terra, e per le proprie radici.

Dire Guccione, nel mondo, ha significato dire Scicli, e questo ha portato lustro, prestigio, fama alla città di suo padre, umile sarto che insegnò a Piero l’arte del disegno. 

Il Comune ha deciso di destinare l’ex Convento del Carmine a sede della nascitura Fondazione per ricordare l’opera del maestro. 

 

L’amministrazione comunale allestirà la camera ardente per l’ultimo saluto a Piero Guccione a palazzo Spadaro, martedì 0 ottobre, dalle 9 alle 18. Al termine, in via Mormina Penna, si terrà un rito funebre civile con l’allocuzione del primo cittadino. 

Altri articoli...

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry