fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Giovedì 26 la conferenza stampa di presentazione

Siracusa, 24 marzo 2015 – Salvatore Mauro, artista siracusano trapiantato a Roma, torna in città con una mostra dedicata a santa Lucia e ai suoi tanti significati religiosi. Un evento articolato che, nella fase preparatoria, ha visto l’artista impegnato in alcuni workshop per la sezione provinciale dell’Unione italiana ciechi. Titolo dell’esposizione: “W santa Lucia – La sua luce è nell’ombra”.

L’evento, patrocinato dal Comune, sarà presentato alla stampa giovedì prossimo (26 marzo) alle 10,30 con una conferenza che si terrà nella sala “Archimede”, in piazza Minerva 5. Interverranno, oltre a Mauro, l’assessore alle Politiche culturali, Francesco Italia, la presidente provinciale dell’Unione italiana ciechi, Rosalba Cicero, il presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, Pucci Piccione, e Bernadette Lo Bianco di “Sicilia turismo per tutti”.

L’esposizione si terrà alla Galleria civica d’arte contemporanea “Montevergini” e sarà inaugurata il 4 aprile alla 19; per l’occasione sarà proposto un collegamento fisico e concettuale con il “Seppellimento di santa Lucia”, l’opera di Caravaggio esposta nella vicina chiesa di Santa Lucia alla Badia. La mostra contiene anche tre installazioni inedite; inoltre, la collaborazione con i non vedenti ha portato alla realizzazione di opere tattili raffiguranti il volto della patrona di Siracusa. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry