Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Share/Save/Bookmark

Scicli, 28 aprile 2015 – Manuela Cucuccio (soprano) ha conquistato il pubblico di Vie Note e fatto riscoprire ai tanti ospiti le origini tradizionali dell’opera. Accompagnata da Francesco Verna, straordinario baritono e da Diego Cristofaro al pianoforte, Manuela Cucuccio ha cantato brani dalla “Carmen”, dalla “Vedova Allegra” e il pubblico ha apprezzato ancor più la canzone popolare, come ha dimostrato il coinvolgimento degli spettatori e poi il primo e il secondo bis.

Gli organizzatori si reputano molto soddisfatti della rassegna e sono già a lavoro per il prossimo appuntamento, la Giornata Internazionale UNESCO del Jazz, giovedì 30 aprile, in cui suoneranno “Giovanni Mazzarino & Daniela Spalletta”, accompagnati da Alberto Fidone e Peppe Tringali (In Sicilia una suite). La mattina del 30 aprile, inoltre, Vie Note offrirà un incontro con Giovanni Mazzarino sul Jazz, patrimonio immateriale dell’Umanità da appena tre anni, dal titolo “Fare musica, che impresa”. 

Ma “Lo Spettacolo del Jazz”, al suo slancio finale, e l’organizzazione Vie Note, hanno in programma ancora un altro appuntamento eccezionale per il week-end, la cena in galleria (domenica 3 maggio), con allestimento e menu impressionista, e una vera opera di Monet in esposizione privata per i soli ospiti della cena. È caldamente consigliata la prenotazione (gratuita) per il concerto (euro 15) e per la cena (euro 45). Info e prenotazioni evento allo 0932 931154.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry